Lenire il dolore: pranoterapia fai da te

di Anna Fraddosio Commenta

Lenire il dolore con una o più sedute di pranoterapia fai da te ora è possibile, scopriamo in questo articolo come fare.

Lenire il dolore con la magia può sembravi una stupidaggine, eppure non è una cosa così impossibile. Si pensi, ad esempio alle tante sedute di pranoterapia che in molti effettuano per curare malattie e dolori articolari.

La pranoterapia, per chi non lo sapesse, è una pratica di medicina alternativa che consiste nell’imposizione delle mani in corrispondenza della zona malata allo scopo di permettere il passaggio del prana, che significa “soffio vitale”, tra il corpo dell’operatore, che funge da mezzo, ed il paziente.

In questo articolo spiegheremo come praticare la pranoterapia da soli senza l’aiuto di una persona esterna. Vedremo come riuscire ad incanalare, attraverso il nostro corpo, l’energia guaritrice dell’Universo, e quindi poter lenire qualunque dolore.

Ciò che ci occorre

Sostanzialmente non ci serve molto, o meglio questo tipo di magia non necessita di alcun oggetto fisico. Quello che è importante avere è una buona abilità di visualizzazione, la giusta concentrazione, la capacità di trarre energia dell’universo, ed infine un luogo dove non poter essere disturbati e che ci ispiri calma e pace e ci faccia sentire un tutt’uno con il cosmo.

Lenire il dolore: pranoterapia fai da te

La prima cosa che bisogna fare e andare nel proprio posto tranquillo, mettervi nella posizione che più vi aggrada e iniziare a rilassarsi. Dovrete essere completamente rilassate, dunque chiudete gli occhi e svuotate la mente da ogni pensiero.

Quando vi sentirete pronti aprite gli occhi e guardate il vostro corpo, immaginate che l’energia dell’universo venga assorbita dal vostro corpo e esso si illumini di questa potente energia. Dopodichè mettete le mani sulla ferita, sul livido o sulla parte dove sentite dolore e ripetete come mantra per almeno 4-6 volte: “Sana vulnere tolle dolores et auertere” (“prendete il dolore e guarire la ferita”), immaginando che l’energia passi attraverso le mani e guarisca la ferita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>